• Italiano
  • Inglese
  • Tedesco

Itinerario storico-naturalistico

"La costa giardino delle Terre del Cerrano"

Percorso ATRI, DAI CALANCHI AL CENTRO STORICO

Atri è una piccola perla medievale, città d’arte di origine antichissima, che guarda dall’alto il mare, protetta alle spalle dal Gran Sasso. Il percorso di visita si snoderà attraverso il centro storico, in cui monumenti e palazzi storici, fortificazioni, chiese, musei, scorci suggestivi formano uno splendido mosaico storico architettonico. Oggetto di visita e approfondimento saranno la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la medievale Chiesa di S. Nicola, il Palazzo Acquaviva, il Palazzo Mambelli, il Palazzo vescovile ed il Seminario, il Teatro Comunale ottocentesco ispirato alla Scala di Milano e le vestigia della fortificazioni della città il cui esempio più imponente è la porta di San Domenico.

Prima di fare ingresso in città si farà attraverserà l’oasi naturalistica dei Calanchi di Atri, formazioni naturali, nate dalla millenaria erosione del terreno argilloso, che formano piccoli canyon dando al paesaggio un profilo unico e suggestivo. La zona è Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF. L’interno dell’area protetta è caratterizzato da un ambiente molto vario: rupi, laghetti, piccoli boschi, campi coltivati si alternano in continuazione, formando una tavolozza di colori cangianti. Infine a dare ulteriore fascino ai luoghi contribuisce anche il mistero che avvolge la cosiddetta “Pietra di San Paolo“, il taumaturgico monolite custodito all’interno di una piccola cappella che la leggenda vuole sia la pietra sulla quale fu decapitato Paolo di Tarso nel 67 d.C.

Percorso LA TORRE DEL CERRANO

(Visita all'area marina protetta dell'oasi del Cerrano e al museo interno della Torre)

Fra cielo e terra uno specchio d’acqua dove proteggere le preziose risorse del mare. L’area marina della Torre del Cerrano si trova in Abruzzo, la “regione verde d’Europa” con oltre il 30% del territorio tutelato. Nel tratto teramano, fra due Comuni, Pineto e Silvi, l’area marina delimita sette chilometri di costa e completa un programma di protezione e valorizzazione dell’ambiente affiancandosi alla rete di oasi sottomarine che hanno consentito, in questi anni, la salvaguardia, il ripopolamento e lo studio dell’ecosistema marino. Nel nome, in realtà un toponimo, “Torre del Cerrano“, i simboli della storia e dell’identità di questo territorio: Cerrano, il torrente che scende dalle colline di Atri – dove si trovano gli splendidi calanchi, altra area protetta – e sfocia nella marina di Silvi, e la Torre, costruita nel 1568 dagli spagnoli, baluardo contro i pirati saraceni.

Il fortilizio, completamente restaurato, si affaccia fra le dune ed è sede di una esposizione del museo del mare di Pescara, a due chilometri dal centro di Pineto. La torre deve il suo nome dall’omonimo torrente che scende dai colli di Atri, la cui foce è situata a 500 metri a sud della torre. Secondo gli storici Strabone e Sorricchio, era il sito dell’antico porto di Atri e meta di scalo di navi cariche di cereali provenienti dalla Puglia e dalla Sicilia. La sua costruzione, così come oggi la vediamo, nella sua parte basale, risale al 1568 per opera del reame spagnolo di Napoli, sotto Alfonzo Salazar, anche se i lavori si eseguirono sulle rovine di una torre più antica già restaurata nel 1287. Le parti alte e laterali della Torre sono un’aggiunta più recente, realizzata nel secolo scorso dalle famiglie che la utilizzarono prima che, nel 1983, diventasse patrimonio della Provincia di Teramo. Oggi la Torre ospita il Museo del Mare, l’Info-point dell’Area Marina Protetta e il Centro Internazionale di Formazione Veterinaria dell’IZS.

Percorso GIARDINO DELLE PIANTE OFFICINALI

In località Propezzano di Morro d’Oro (TE) (a due passi dall’antica Abbazia Benedettina) si trova il Giardino Officinale di piante aromatiche, medicinali e da essenza. La visita a questo laboratorio a cielo aperto permette di fare una esperienza unica, immersiva e coinvolgente per conoscere, attraverso visite guidate, erbe e piante officinali. Un percorso dalla flora spontanea di specie perenni mediterranee a quella di specie coltivate di varietà significative (anche provenienti da aree geografiche diverse) per riscoprire e rivalorizzare ciò che esse hanno rappresentato nella cultura contadina (ed in quella del popolo mediterraneo nel corso della propria storia) dall’alimentazione alla medicina popolare, ma anche ufficiale.

Sottolineando l’importanza della tutela dell’ambiente, si conosceranno le molteplici proprietà di sostanze naturali impiegate come aromatizzanti, conservanti, medicinali, insetticidi e antiparassitari.
Un viaggio affascinante ed istruttivo per capire meglio il valore delle risorse naturali e la ricchezza di un’agricoltura eco-sostenibile.

Le visite guidate di gruppo (almeno 10 persone) disponibili da marzo a settembre comprendono:

  • Visita guidata nell'Orto Botanico alla conoscenza, dal vivo, di Erbe Officinali e del loro uso alimentare e curativo.
  • Esperienza pratico-sensoriali finalizzata alla scoperta di aromi e profumi naturali "di sapore antico", appartenuti alla civiltà contadina e mediterranea.
  • Degustazione di bevande aromatiche
  • Prova pratica di distillazione di un olio essenziale da una pianta aromatica.

Hotel

Una struttura a gestione familiare che si adatta ad ogni esigenza.

Scopri l'Hotel

Camere

Ampie, luminose, accuratamente pulite, un garanzia per la vostra vacanza.

Scopri le Camere

Ristorante

Sala ristorante con vista mare, cucina tipica abruzzese e tante prelibatezze.

Scopri il Ristorante

Spiaggia

Spiaggia ad un passo dall’Hotel attrezzata e curatissima.

Scopri la Spiaggia

Listino

Scopri le nostre vantaggiose condizioni e tutte le soluzioni vacanza.

Scopri il Listino